Come creare ed utilizzare un Punto di ripristino configurazione di sistema: guida a Protezione sistema di Windows

Una funzionalità sconosciuta ai più è Protezione sistema: questo strumento crea una “fotografia” di alcune parti del sistema operativo ogni qualvolta si installa un programma o un aggiornamento di Windows. In questo modo, se il computer dovesse riscontrare dei problemi, è possibile ripristinare il precedente stato del PC.

Vediamo come gestire l’utilità Protezione sistema e come creare un punto di ripristino.


Questa guida si applica a: Windows 10 / 8.1 / 8 / 7 / Vista

– Attivare Protezione sistema

1) Aprire il menù Start, digitare “crea un punto di ripristino” (senza apici) e premere il tasto “↵ Invio“.

2) Nella sezione “Impostazioni protezione” controllare la voce accanto all’unità “(Sistema)“: se la protezione è attivata, andare al passo successivo. Se la protezione è disattivata, cliccare sul pulsante “Configura…”.

Nella nuova finestra cliccare su “Attiva protezione sistema” e trascinare il cursore relativo a “Utilizzo massimo” per riservare almeno 2 GB di spazio. Una volta terminato cliccare sui pulsanti “Applica” e “OK“.

Nota: con il passare del tempo si possono accumulare vari punti di ripristino, che andranno ad occupare spazio sulla partizione di sistema. Se il PC funziona perfettamente, è possibile eliminare TUTTI i punti di ripristino con un clic sul pulsante “Elimina” e su “Continua”.

Ora è consigliabile creare manualmente un punto di ripristino di sistema.

– Creare manualmente un Punto di ripristino configurazione di sistema

1) Se la schermata è stata chiusa, aprire “Protezione sistema” come indicato al punto 1) del passo precedente.

2) Cliccare sul pulsante “Crea…“. Nella nuova finestra, inserire un nome e cliccare sul pulsante “Crea“.


Attendere alcuni istanti per la creazione del punto di ripristino: al termine chiudere la finestra con un clic sul pulsante “Chiudi“.

– Ripristinare uno Punto di ripristino configurazione di sistema

1) Se la schermata è stata chiusa, aprire “Protezione sistema” come indicato al punto 1) del passo precedente.

2) Cliccare sul pulsante “Ripristino configurazione di sistema…“.

3) Nella finestra “Ripristino configurazione di sistema” Windows potrebbe suggerirci un punto di ripristino consigliato. In questo caso, cliccare su “Scegli un punto di ripristino diverso” e sul pulsante “Avanti >” per vedere la lista dei punti di ripristino disponibili.

4) Selezionare il punto di ripristino desiderato e cliccare sul pulsante “Avanti >“.

Uno dei criteri con cui scegliere il punto di ripristino da utilizzare è la data: se il PC ha iniziato ad accusare malfunzionamenti a partire da un determinato momento, selezionare il punto di ripristino con la data uguale o precedente alla comparsa del problema.

Cliccare sul pulsante “Programmi interessati” per controllare quali programmi e file verranno ripristinati.

4) Nella nuova finestra è mostrato un riepilogo del punto di ripristino scelto. Cliccare sul pulsante “Fine” e chiudere l’avviso con un clic sul pulsante ““.

Windows inizierà la procedura di ripristino, durante la quale il PC si riavvierà. Attendere la fine dell’operazione.
Al successivo avvio, un messaggio indicherà se il ripristino è stato completato con successo o meno. Chiudere la finestra con un clic sul pulsante “Chiudi“.

C’è una cosa da tenere a mente: lo strumento Protezione sistema di Windows non crea una copia di ogni singolo file di sistema di Windows. Può capitare, quindi, che l’utilizzo di un punto di ripristino non risolva il problema riscontrato.
E’ consigliabile creare sempre una copia di backup di file e documenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *