Come cambiare i server DNS (Google DNS, Cloudflare DNS, OpenDNS)

I server DNS sono fondamentali per il funzionamento di Internet così come lo conosciamo. Questi server, infatti, traducono l’indirizzo alfabetico di un sito Internet (ad esempio “google.it”) nell’indirizzo IP che identifica in modo univoco il sito stesso (ad esempio “216.58.205.195”). Solitamente i server DNS sono forniti dal fornitore della connessione Internet e funzionano senza problemi. Non è raro, però, oscurare i siti Internet bloccando la connessione a livello DNS: il sito Internet richiesto funziona perfettamente ma l’utente non riesce a visualizzarlo. Per aggirare questo blocco spesso è sufficiente cambiare i server DNS: vediamo come fare!

Questa guida si applica a: Windows 10 / 8.1 / 8 / 7 / Vista

Nota: la procedura si basa sulla scheda di rete “Ethernet”, ma è uguale per tutte le altre schede presenti (ad esempio “Wi-Fi”).

1) Aprire il menù Start, digitare “pannello di controllo” (senza apici) e premere il tasto “↵ Invio”.

2) Nella finestra “Pannello di controllo” cliccare su “Rete e Internet” e successivamente su “Centro connessioni di rete e condivisione“.

3) Nella finestra “Centro connessioni di rete e condivisione” cliccare su “Modifica impostazioni scheda” presente nella barra a sinistra.

4) Nella finestra “Connessioni di rete” cliccare con il tasto destro sulla scheda di rete utilizzata per la connessione (in questo caso è quella chiamata “Ethernet“) e cliccare sulla voce “Proprietà“.

5) Nella finestra “Proprietà – ” selezionare la voce “Protocollo Internet versione 4 (TCP/IPv4)” e cliccare sul pulsante “Proprietà“.

6) Nella nuova finestra cliccare sulla voce “Utilizza i seguenti server DNS:” ed inserire i server DNS da utilizzare facendo attenzione al punto divisorio.

Questa è una piccola lista dei server DNS disponibili al pubblico: si passa da quelli di Google a quelli di Cloudflare, passando per i DNS di OpenDNS.

Google DNS

  • Server DNS primario: 8.8.8.8
  • Server DNS secondario: 8.8.4.4

Cloudflare DNS

  • Server DNS primario: 1.1.1.1
  • Server DNS secondario: 1.0.0.1

OpenDNS DNS

  • Server DNS primario: 208.67.222.222
  • Server DNS secondario: 208.67.220.220

7) Cliccare sul pulsante “OK“, nuovamente sul pulsante “OK” ed infine chiudere le varie finestre aperte.

Finito! 😃

Se per un qualsiasi motivo si vorrebbe tornare ad utilizzare i server DNS del proprio operatore, basta ripetere la guida: al punto 6 occorre cliccare sulla voce “Ottieni indirizzo server DNS automaticamente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *