Windows XP: l’ultimo mese di supporto

Dall’8 aprile si chiuderà un capitolo della storia di Microsoft: il supporto a Windows XP.

– Un po’ di storia

Chiunque sia stato vicino ad un computer negli ultimi vent’anni sa, in maniera più o meno precisa, cosa sia Windows XP. Rilasciato il 25 ottobre 2001, infatti, Windows eXPerience è uno dei prodotti Microsoft più conosciuti ed utilizzati a livello mondiale. La sua quota di utilizzo, a febbraio 2014, è di poco inferiore al 30 % (Fonte).

Una percentuale elevatissima, se si considera che sono passati ben tredici anni (tredici!) dalla data della sua entrata in commercio e che sono state rilasciate ben tre versioni di Windows.

Ma se si considera che ogni 8 mesi circa vengono commercializzati nuovi componenti (processori, schede madri, schede video, ecc.), ed ogni tre anni viene rilasciata una nuova versione di Windows; in informatica tredici anni risultano un’eternità.

Perché, dunque, la Microsoft ha supportato così a lungo un “fossile” come Windows XP? La risposta si chiama Windows Vista. Rilasciato con tre anni di ritardo sulla tabella di marcia a causa di uno sviluppo alquanto travagliato, il successore di XP è stato obiettivamente un mezzo flop.

Per la maggior parte degli utenti consumer Vista era costoso, incompatibile con la maggior parte dei componenti (anche se era pretesa una retrocompatibilità di sei anni e più!) ed estremamente lento. Windows XP, al contrario, appariva come un campione di velocità, sopratutto per le basilari funzioni casalinghe come la navigazione Internet. L’altra parte degli utenti, ovvero quelli business, avevano da poco abbandonato Windows 95/98 e relativi programmi per aggiornare a XP; quindi passare a Vista sarebbe stato controproducente sia in ambito economico che produttivo.

– L’ultimatum di Microsoft

giorni_rimanenti_948x303

L’azienda, dunque, si è impegnata ad offrire una valida alternativa a tutti coloro i quali si rifiutavano di acquistare e/o utilizzare Vista; pubblicizzando persino l’opzione di downgrade a XP per i clienti che acquistavano un PC con a bordo il nuovo sistema operativo.

Tutto ciò è durato sino a cinque anni fa: il supporto completo a Windows XP è terminato in data 14/04/2009. Durante la fase denominata Mainstream gli utenti hanno ricevuto aggiornamenti sul lato sicurezza, prestazioni e nuove funzionalità (ad esempio il supporto a USB 2.0, SATA e Bluetooth, così come l’introduzione del Centro sicurezza PC e di Windows Firewall), oltre ad un supporto tecnico gratuito.

Da quella data in poi, la casa madre si è occupata solamente di risolvere i problemi di sicurezza e a fornire un supporto tecnico a pagamento. Le informazioni contenute sui siti Microsoft (come le pagine della Knowldge Base), però, sono rimaste gratuitamente a disposizione di tutti.

– Cosa cambia dal punto di vista degli utenti

La prossima data è l’8 aprile 2014: da qui in poi, tutti gli utilizzatori di XP ed Office 2003 rimarranno senza alcun aggiornamento. Se gli aggiornamenti automatici saranno attivati, ogni mese verrà mostrato un messaggio che inviterà gli utenti ad aggiornare ad una nuova versione di Windows.

win_xp_notifica_supporto_450x193

Inoltre, per sensibilizzare gli utenti è stato lanciato AmIRunningXP (letteralmente: “sto utilizzando XP?”), ovvero un sito che informa i visitatori se stanno utilizzando Windows XP e cosa possono fare per rimanere aggiornati (il tutto in lingua inglese). Per chi dovesse scegliere la via dell’aggiornamento ad un nuovo sistema operativo può trovare maggiori informazioni sul sito dedicato, oltre ad un programma che consente il facile trasferimento di file ed impostazioni sulla nuova versione di Windows.

Ma qual’è il rischio per chi volesse continuare ad utilizzare Windows XP dopo la fatidica data? I bug non corretti potrebbero essere utilizzati da malintenzionati per fare qualsiasi cosa: cancellare file, criptarli per chiedere un riscatto (come accade già con CryptoLocker) o addirittura utilizzare la macchina per i propri scopi personali, come l’invio di spam (messaggi pubblicitari non richiesti) o attacchi DDoS a siti Internet. Le uniche difese saranno, quindi, l’antivirus (che dev’essere sempre aggiornato, mi raccomando!) ed il buonsenso degli utenti.

In conclusione, l’aggiornamento ad un sistema operativo moderno è consigliato a tutti; in quanto non ci sono molti motivi per utilizzare un prodotto pubblicato oltre dieci anni fa.

E voi, utilizzate ancora XP o siete passati a qualcosa di più moderno? Condividete la scelta di Microsofto siete contrari? Fatecelo sapere nei commenti! 😀

– – –

Fonte: Windows Blog